mercoledi' 22 - sabato 25 agosto A 100 ANNI DALLA GRANDE GUERRA TRA VALFURVA E VALCAMONICA (3225 m)

grandeguerraberni2Un viaggio attraverso la storia  della grande guerra sulle fortificazioni della linea Cadorna e attraverso i luoghi al confine della "guerra bianca", quella combattuta tutto l'anno in quota tra neve e ghiaccio perenne. Un primo appuntamento sara' quello con il monte delle Scale dove le fortificazioni controllano fronti di vallate ampie, con magazzini di munizioni e presìdi decisamente più facili di quelli che vedremo il giorno successivo sul pizzo di Valumbrina. Una notte al rifugio Berni al Gavia, lascerà il tempo agli ambienti decisamente più impervi al cospetto del Cevedale e della punta San Matteo, al bivacco Orler e al pizzo Valumbrina, dove si combatterono battaglie impensabili fin tra parenti opposti nelle nazioni e sui fronti, tra alpini che passarono intere stagioni sui ghiacci abbarbicati, come nemmeno gli stambecchi sanno fare, in attesa della conclusione dei combattimenti. Una linea Cadorna complessa, con fili spinati lunghissimi da cima a cima, ma là dove le cime sono di 3000 metri, tra ghiacci e detriti, e dove il giovanissimo capitano Berni ancora oggi rimane sotto i ghiacci. Il terzo giorno saremo in alta Valcamonica e partiremo da una localita' incantevole, Case di Viso, un luogo da assoluta cartolina, per andare sino al rifugio Bozzi e al confine trentino dove ancora la fanno da padrone ampie fortificazioni militari su entrambi i versanti. A lato del rifugio sara' possibile visitare, in uno dei piccoli edifici militari del grande campo, un piccolo ma grazioso museo con vari reperti della guerra bianca. In ultimo, dopo l'ultima notte al Berni, scenderemo ancora nella valle delle Messi per parttire da sant'Apollonia verso le imponenti trincee della bocchetta di Valmassa con un panorama unico sul gruppo Adamello-Presanella. Una storia, quella del fronte della grande guerra, che non è così semplice da raccontare, ma che è tutta da scoprire!

PROGRAMMA

Primo giorno. Partiremo da una località incredibile, le torri di Fraele, ben più antiche della grande guerra, presidio tra i valichi alpini, andremo in vetta al monte delle Scale, un punto unico per dominare l'alta Valtellina sin quasi al Gavia, con ben netti i laghi di Cancano al di sotto. Un bel racconto ed un buon assaggio di quel che fu la linea Cadorna. Un pomeriggio di cammino breve con un dislivello di circa 550 m per lasciare il posto alla cena e al riposo della notte ai 2545 m del rifugio intitolato al capitano Berni. 

Difficoltà: E, escursionistica

Dislivello: 550 metri circa

Quota massima: 2495 metri

grandeguerraberni3Secondo giorno. Partiremo dal rifugio, poco distante dal passo Gavia, per arrivare al bivacco Ortler, presidio militare della prima guerra mondiale con le sue fortificazioni e le infrastrutture difensive ben evidenti. Da qui verso il poco distante pizzo di Valumbrina seguendo matasse di filo spinato che corrono da una cima all'altra a 3000 metri in fronte alla punta San Matteo e al ghiacciaio di Desegù alle spalle del notissimo ghiacciaio dei Forni. Un dislivello di circa 750 m in salita in un ampiente aspro che comunque sia, nonostante le storie assurde che si sono vissute lassù, dara' una suggestione unica!

Difficoltà: E, con un po' di allenamento

Dislivello: 800 metri circa

Quota massima: 3225 metri

Terzo giorno. Ci sposteremo in auto nella valle delle Messi sino al bellissimo villaggio di Case di Viso che attraverseremo in men che non si dica, vista la sua grandezza, in un piccolo viaggio nel tempo. Da qui inizieremo la salita verso il rifugio Bozzi, sostanzialmente sempre tra pascoli, e la bocchetta di Montozzo per visitare il primo villaggio militare a pochi metri dal fronte ben riparato con le trincee dagli attacchi nemici. Dopo essere ridiscesi al rifugio visiteremo il piccolo museo della guerra pieno di sorprese ritrovate dalla fusione dei ghiacci e non solo. Dopo pranzo ci dirigeremo verso il passo dei Contrabbandieri per entrare in territorio trentino dove poco distante si trova la "citta' morta". Scenderemo infine al passo Tonale per poi tornare al rifugio in auto.

Difficoltà: EE, con un po' di allenamento

Dislivello: 1000 metri circa

Quota massima: 2681 metri

berniQuarto giorno. Ci sposteremo in auto ancora nella valle delle Messi a sant'Apollonia per salire alla bocchetta di Valmassa, controllo fondamentale della linea Cadorna a ovest del Tonale. Passeremo prima in una bella abetaia e poi in un ambiente subalpino fatto di rododendri, praterie e via via sempre piu' aspro sino al valico. Qui le trincee si sviluppano per quasi 1,5 km, ampie, anzi ampissime e ben conservate. 

Difficoltà: E, con un po' di allenamento

Dislivello: 900 metri circa

Quota massima: 2499 metri

INFORMAZIONI E ISCRIZIONI: Roberto 347.4688997 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ritrovo: alle ore 7,30 presso piazzale Lotto a Milano di fronte al Lido. Clicca su Luogo della tabella in basso per vedere la mappaSe hai necessità di trovare altre soluzioni contattaci che ci accorderemo

Costi: € 135,00 per l'alloggio presso il rifugio in mezza pensione.

Costi: € 125,00 a persona da corrispondere alla guida in loco, in possesso di assicurazione professionale RC, per l'accompagnamento, l'organizzazione logistica, l'assistenza in loco e spese varie.

Costi non inclusi: i pranzi e i costi di viaggio. I costi di viaggio, sostenuti dagli autisti di tutte le auto utilizzate, saranno divisi tra i partecipanti in modo equo, ad eccezione degli autisti stessi.

Nota 1: Attrezzatura classica da escursionismo che comprenda zaino, scarponi, guscio antivento e antipioggia. capi vari che permettano la vestizione a strati sovrapposti, borraccia, crema solare ad alta protezione, occhiali da sole, guanti, cappello.

Nota 2: pranzi al sacco (sempre esclusi dai costi). Il primo giorno è necessario avere con se il pranzo al sacco sin dalla partenza.

Iscrizioni: ci si prenota attraverso la scheda di iscrizione del sito che ha valore legale di contratto. La disdetta, se data entro i dieci giorni precedenti l'uscita, comporta, comunque, il pagamento dell'intera quota. Il numero massimo di posti è 15 e l'attività verrà svolta solamente al raggiungimento del numero minimo di partecipanti. In caso di condizioni ambientali non consone l'uscita verrà spostata o annullata. L'iscrizione si intende perfezionata al versamento della caparra di € 50,00 sul conto corrente IT62k0306955740100000679002 intestato a Roberto Fusari specificando nella causale GRANDEGUERRANOMECOGNOME.

Se ti servono altre informazioni telefona al 347.4688997 (Roberto, la guida che condurra' l'escursione).

Caratteristiche dell'evento

Inizio evento 22-08-2018 7:30
Termine evento 25-08-2018 19:30
Disponibili 7
Chiusura iscrizioni 21-08-2018 14:00
Costo per persona €260.00
Difficolta' E, con un po' di allenamento
Dislivello 750 m circa, il maggiore
Luogo
ritrovo Milano - P.le Lotto
Piazzale Lotto
ritrovo Milano - P.le Lotto
€260.00 7
Condividi questo evento: